Donne e Pace

Donne e Pace

“Il mondo dell’umanità ha due ali, le donne e gli uomini.

Finchè le due ali non saranno ugualmente sviluppate l’uccello non potrà volare.

Se un’ala rimane devole, il volo è impossibile”

(Scritti baha’i)

Donne e Pace

Progressi significativi sono stati fatti in termini di accesso educativo e creazione di ambienti in cui le donne possano prosperare al fianco degli uomini; tuttavia, resta ancora molto da fare. L’ingiustizia sistemica e strutturale continua a sopprimere il potenziale delle donne, immergendo l’umanità in crisi dopo crisi. Fino a quando queste ineguaglianze saranno completamente sradicate dal tessuto sociale, l’umanità rimarrà impantanata nel conflitto, nella disperazione, nella confusione e nello squilibrio che hanno finito per definire gran parte della vita moderna. Mentre la strada verso la prosperità ha molti ostacoli, è anche lastricata di speranza.

La civiltà mondiale alla quale l’umanità aspira è quella in cui le dimensioni materiali e spirituali della vita sono in armonia, e gli aspetti materiali della civiltà, come il commercio e il governo, sono soffusi di principi spirituali, come l’equità e la giustizia. Naturalmente, la potenza e il vigore di una civiltà dipendono dalla forza delle sue parti componenti. A questo proposito, c’è molto da dire sulle qualità che regolano le relazioni tra individui, istituzioni e altri costituenti che costituiscono la società.

Gli ordini economici e geopolitici prevalenti sono caratterizzati da conflitti e aggressioni a tal punto che molti hanno ceduto alla convinzione che queste qualità rappresentano caratteristiche ineludibili della natura umana. Mentre gli umani sono capaci di violenza, egoismo, vigliaccheria e competizione, hanno anche ripetutamente dimostrato la loro capacità di essere gentili, di preferire gli altri a se stessi, di compiere atti di valore a costi personali enormi e di cooperare quando la competizione è la norma .

(Commissione sullo stato delle donne Sessantunesima sessione dal 13 al 24 marzo 2017)

Alcuni degli obiettivi:

  • Rafforzare il processo culturale di propensione alla pace e alla convivenza civile
  • Promuovere il ruolo della donna nell’educazione e nella pace nel mondo
  • Costruire rapporti interpersonali basati su pace e parità
  • Aumentare la capacità individuale di accoglienza e inclusione
  • Conoscere e capire culture e tradizioni diverse dalla nostra

L’incontro si terrà all’Auditorium dell’Aurum Sala P. Tosti

Sabato 26 gennaio 2019 ore 17:00

Largo Gardone Riviera, Pescara

Organizzato dalla APS “Gianni Ballerio” con il patrocinio del Comune di Pescara, Università degli studi e Liceo Classico “G.D’Annunzio”

Donne e Pace. Donne e Pace. Donne e Pace. 

Seguici su Facebook

Lascia un commento