leopolda

Salviamo la Leopolda.

Alle Associazioni di Pisa

e alla Sede Operativa Locale della

APS “Gianni Ballerio”

 

S e r v e   il   T u o

A i u t o

64 associazioni di Pisa hanno sede presso la Leopolda, sede comunale che per anni ha ospitato le associazioni di volontariato, tra esse anche la sede locale dell’APS Ballerio.

Ora le istituzioni non vogliono prolungare tale uso, ma trasformare la Leopolda ad uso commerciale e chiedono il saldo entro il 15 marzo 2019 del canone concessorio 2018, debito dovuto ad un mancato stanziamento del contributo comunale del 2013.

Le associazioni hanno quindi deciso di lanciare una petizione per sensibilizzare la cittadinanza italiana che desidera non far spengere questa esperienza di cittadinanza attiva espressione di tanta volontà di migliorare il territorio con iniziative volte al sociale, alla cultura, alla solidarietà e alle iniziative socio-economiche.

SOSTIENI  FIRMANDO

LA  PETIZIONE

Leopolda

Aggregazione Sociale, Convegni, Cultura, Arte, Giovani

Socio Economico

La Leopolda è un centro culturale ricavato in ambienti di pregio storico e architettonico che promuove numerose iniziative e progetti, contribuendo al rafforzamento del tessuto sociale e alla crescita democratica della città. Ogni giorno la struttura è frequentata da cittadini di ogni età, che partecipano alle attività organizzate direttamente, dalle associazioni, dai gruppi informali, dalle istituzioni pubbliche e dagli altri soggetti. La Leopolda è un contesto creativo aperto. Nuove proposte possono essere costantemente presentate. La struttura accoglie attività differenziate, dagli eventi di rilevanza nazionale all’intenso programma di convegni, spettacoli, laboratori, riunioni e attività ludiche che animano quotidianamente la struttura. La Leopolda promuove eventi e progetti costruendo un ampio sistema di collaborazioni e sinergie. La Leopolda è stata una delle prime stazioni ferroviarie costruite in Italia. Realizzata nel 1844 dal Granduca Leopoldo II di Toscana, dal 1929 ha ospitato il mercato ortofrutticolo. In seguito al trasferimento del mercato, un ampio gruppo di associazioni elaborò il progetto per la trasformazione della struttura in centro socio-culturale. Nel 1996 il Comune di Pisa adottò il progetto e avviò i lavori di restauro utilizzando un finanziamento europeo accordato dalla Regione Toscana. Come naturale approdo del percorso svolto, le associazioni hanno assunto la gestione della struttura, convergendo nel medesimo soggetto collettivo: l’Associazione Casa della Città Leopolda. Gli spazi sono aperti dal 2002.

Seguici su Facebook

Lascia un commento