Domenico Quirico a Belluno

Storie di guerra per raccontare la pace

La pace attraverso le storie di guerra di Domenico Quirico. Un incontro a Belluno. 
Il prossimo 1 febbraio alle ore 8 gli studenti di Scuole in rete incontrano Domenico Quirico. Un testimone di eccezione, per riflettere sulla pace partendo dal racconto delle sue esperienze di guerra.

Domenico Quirico a Belluno

Domenico Quirico a Belluno

 

Il 1° febbraio 2024, dalle 8:00 alle 9:50 presso la Sala teatro del Centro Giovanni XXXIII di Belluno, in occasione della Giornata Nazionale delle Vittime Civili di Guerra e dei conflitti nel  mondo, un incontro per gli studenti dal titolo Le storie della guerra per raccontare la pace.

L”incontro con Domenico Quirico è organizzato da Scuole in rete  in collaborazione con APS Ballerio  ed altre associazioni.

Domenico Quirico, il relatore, è reporter per il quotidiano torinese La Stampa. Caposervizio esteri, è stato corrispondente da Parigi e inviato di guerra. Fra l’altro, si è interessato delle cosiddette primavere arabe. Rapito due volte, in Libia e Siria, non si è mai astenuto dall’indagare direttamente sul terreno i meccanismi delle guerre in Darfur, Uganda, Tunisia, Egitto e primavere arabe.

I suoi ultimi saggi sono dedicati ai meccanismi e alle conseguenze delle guerre attuali. Ricordiamo un recente saggio dedicato ai ragazzi dal titolo Quando il cielo non fa più paura. Le storie della guerra per raccontare la pace.

 

l relatore è reporter per il quotidiano torinese La Stampa, caposervizio esteri, è stato corrispondente da Parigi e inviato di guerra. Si è interessato, fra l’altro, delle cosiddette primavere arabe: rapito due volte, in Libia e Siria, non si è mai astenuto dall’indagare direttamente sul terreno i meccanismi delle guerre in Darfur, Uganda, Tunisia, Egitto e primavere arabe. I suoi ultimi saggi sono dedicati ai meccanismi e alle conseguenze delle guerre attuali, compreso un recente saggio dedicato ai ragazzi dal titolo Quando il cielo non fa più paura. Le storie della guerra per raccontare la pace.

Seguici su Facebook

Lascia un commento