Diritto all'educazione

Diritto all’Educazione.

Dichiarazione scritta presentata dalla comunità internazionale baha’i alla 56a sessione della Commissione dei diritti dell’uomo delle Nazioni Unite, sotto il punto 10 dell’agenda provvisoria: diritti economici, sociali e culturali e diffusa come documento delle Nazioni Unite n. E / CN.4 / 2000 / NGO / 13

GINEVRA – 20 marzo 2000

Il diritto all’istruzione è, secondo la comunità internazionale baha’i, uno dei più importanti

diritti sanciti nella Dichiarazione Universale dei Diritti Umani. Il diritto all’istruzione è così importante che viene elaborato sia nel Patto internazionale sui diritti economici, sociali e culturali che nel Patto internazionale sui diritti civili e politici. In effetti, la vera missione dei fondatori delle grandi religioni nel corso della storia è stata quella di educare l’umanità. L’educazione è fondamentale per lo sviluppo del potenziale di ciascun individuo e per il suo godimento dell’intera gamma di diritti umani. Allo stesso tempo,

l’educazione deve servire la società nel suo complesso instillando negli individui un rispetto incrollabile per i diritti degli altri e il desiderio di sostenere e difendere tali diritti.

La Comunità internazionale baha’i è quindi lieta che nel 1998 la Commissione per i diritti umani abbia accettato la raccomandazione della commissione per i diritti economici, sociali e culturali di nominare un relatore speciale il cui mandato “si focalizzerà sul diritto all’istruzione”. [1] Siamo inoltre lieti che il mandato del Relatore speciale riguardi l’attuazione “del principio dell’istruzione primaria obbligatoria gratuita per tutti” [2] e che tenga conto “della situazione e delle esigenze della bambina”. [3]

Mentre siamo d’accordo sul fatto che l’accesso all’istruzione è una questione che deve essere oggetto di seria attenzione da parte dei governi e delle organizzazioni non governative, riteniamo che il contenuto dell’istruzione sia di primaria importanza. La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani afferma che l’obiettivo dell’educazione non è solo “il pieno sviluppo della personalità umana e il senso della sua dignità” ma anche la promozione della “comprensione, tolleranza e amicizia tra tutte le nazioni, razziale, etnica o religiosa gruppi … “[4] Per raggiungere questi obiettivi ampi e nobili, l’educazione deve rivolgersi all’intera persona, cioè, dovrebbe cercare di sviluppare l’intera gamma di capacità umane – intellettuale, sociale, fisica e spirituale.

Nelle menti di molti, lo scopo dell’educazione è limitato a conferire alla persona il potere di raggiungere il benessere materiale e la prosperità, con scarso rispetto per la sua responsabilità verso gli altri e l’umanità nel suo complesso. Un tale approccio materialistico all’educazione continuerà ad esacerbare la disparità tra i pochi ricchi e quelli poveri – perpetuando le ingiustizie della stratificazione sociale e contribuendo alla crescente instabilità nel mondo. Se, tuttavia, l’educazione materiale va di pari passo con l’educazione spirituale e lo sviluppo morale, sarà il mezzo per garantire il benessere e la prosperità dell’umanità nel suo complesso. Invece di enfatizzare la concorrenza, l’istruzione farebbe bene, in questo momento storico, a promuovere gli atteggiamenti e le capacità necessarie per la cooperazione; poiché la stessa sopravvivenza dell’umanità dipende ora dalla nostra capacità di cooperare e dal nostro impegno collettivo nei confronti della giustizia e dei diritti umani per tutti. La capacità di cooperare con gli altri assicurerà anche che un numero crescente di persone beneficerà del diritto all’istruzione.

I recenti conflitti in Europa dimostrano il fallimento della sola educazione materiale a promuovere il rispetto dei diritti umani. La fede baha’i, in linea di principio, accorda priorità all’educazione spirituale e morale sugli altri aspetti dell’educazione. “Il buon comportamento e l’alto carattere morale devono venire prima” , affermano gli Scritti baha’i, “perché, a meno che il personaggio non sia addestrato, acquisire conoscenze si dimostrerà solo dannoso.

La conoscenza è lodevole quando è accoppiato con una condotta etica e un carattere virtuoso, altrimenti è un veleno mortale, un pericolo spaventoso “ . [5] La funzione dell’educazione morale e spirituale è guidare l’uso delle capacità umane per il bene di tutti Sottoponiamo, quindi, che l’obiettivo dell’educazione dovrebbe essere non solo l’acquisizione della conoscenza, ma anche l’acquisizione di qualità spirituali quali la compassione, l’affidabilità, il servizio, la giustizia e il rispetto per tutti.

Al centro del rapporto dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura, Learning: The Treasure Within, [6] è l’idea formulata nella Convenzione sui diritti del bambino che l’educazione dovrebbe consentire all’individuo di sviluppare pienamente la sua o le sue potenzialità. [7] “Considerare l’uomo come una miniera ricca di gemme di valore inestimabile” . Bahá’u’lláh insiste: “L’educazione può, da sola, far sì che sveli i suoi tesori e consenta all’umanità di trarne beneficio” . [8] Questi tesori devono essere consapevolmente sviluppati, elaborati e coltivati ​​perché sebbene la capacità del bene sia innata, gli esseri umani possono cadere preda di inclinazioni corrotte altrettanto innate. “L’uomo è perfino acciaio” , afferma Bahá’u’lláh,“la cui essenza è nascosta: attraverso l’ammonizione e la spiegazione, i buoni consigli e l’educazione, quell’essenza sarà portata alla luce. Se, tuttavia, gli sarà permesso di rimanere nella sua condizione originale, la corrosione di desideri e appetiti lo distruggerà efficacemente “ . [9]

Poiché ogni bambino ha bisogno di educazione, in particolare di valori morali, è essenziale che l’istruzione sia fornita per le bambine, che saranno le madri e i primi educatori delle generazioni successive. Educare le madri è il modo più efficace per assicurare che i benefici dell’educazione siano diffusi nella società nel suo complesso. Offrire alle donne e alle ragazze parità di accesso all’istruzione renderà anche possibile la loro piena partecipazione alla società, che secondo i baha’i sarà il catalizzatore per la creazione di una società giusta e l’instaurazione di una pace duratura nel mondo. Pertanto, approviamo la raccomandazione della risoluzione secondo cui il Relatore speciale “promuove l’eliminazione di tutte le forme di discriminazione nell’istruzione”. [10]

Nel considerare il contenuto dell’educazione, è importante ricordare che i pregiudizi che separano i popoli del mondo e, a volte, scoppiano in conflitti e guerre non sono solo il risultato dell’ignoranza, ma a volte sono il prodotto di un’educazione parziale. Lo sviluppo e l’adesione a un insieme universale di principi educativi, basato, forse, sulla Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, potrebbe fornire un quadro unificante all’interno del quale coltivare una comprensione della diversità dell’esperienza umana. La forza di tale struttura deriverà dalla sua base nel principio dell’unità dell’unumanità.

L’accettazione di quell’unico principio renderà possibile la coltivazione dell’unità tra i diversi elementi della famiglia umana, riconoscendo le comuni aspirazioni umane nelle varie culture, abitudini e temperamenti che esistono in ogni paese e in tutto il mondo. L’unità dell’umanità e l’universalità dei diritti umani dovrebbero essere insegnate in ogni classe del mondo, insieme alle capacità di consultazione e risoluzione dei conflitti.

L’istruzione dovrebbe essere universale, obbligatoria e gratuita. Riconosciamo che tale obiettivo può essere raggiunto solo quando la responsabilità è condivisa. “Tutti, uomini o donne, dovrebbero”, secondo le scritture baha’i, “consegnare … una parte di ciò che lui o lei guadagna attraverso il commercio, l’agricoltura o altra occupazione, per la formazione e l’educazione dei bambini” . [11] Raccomandiamo la relatrice speciale sul diritto all’istruzione, signora Katarina Tomasevski, per aver incluso “Ostacoli finanziari che impediscono l’accesso alla scuola primaria” come parte del suo rapporto preliminare. [12]

Anche laddove i governi forniscono servizi educativi, alcuni gruppi incontrano ancora ostacoli. L’esperienza delle agenzie delle Nazioni Unite e degli Stati membri nei settori dell’alfabetizzazione e della salute pubblica ha dimostrato che alcuni segmenti della popolazione di vari paesi non sono in grado di beneficiare di tali servizi pubblici a causa di situazioni politiche, culturali, etniche, linguistiche o geografiche . Pertanto, sottoponiamo che sia prevista una disposizione speciale per la tutela del diritto all’istruzione per tali gruppi svantaggiati. Attendiamo con impazienza la raccolta e l’analisi pianificate dal Relatore speciale “le esistenti informazioni quantitative e qualitative sul modello della mancanza di accesso all’istruzione per tracciare gli ostacoli alla realizzazione del diritto all’istruzione”. [13]

Infine, mentre siamo d’accordo sul fatto che l’educazione obbligatoria universale debba essere prioritaria nell’infanzia, crediamo anche che tutti possano beneficiare quando l’educazione diventa un processo che dura tutta la vita. L’UNESCO afferma che l’educazione dovrebbe infondere una sete e un desiderio di conoscenza [14] e aggiungeremmo che dovrebbe anche favorire un desiderio di eccellenza. Tali aspirazioni acquisite durante l’infanzia, insieme a possibilità di vita per l’istruzione, sono le basi per una civiltà in costante progresso.

La Baha’i International Community continuerà i suoi sforzi per sostenere l’educazione che sviluppa capacità individuali e infonde il rispetto dei diritti umani e delle libertà fondamentali di ogni persona. A tale riguardo, è lieto di offrire il suo pieno sostegno e cooperazione al Relatore speciale della Commissione per la salvaguardia e l’attuazione universale del diritto all’istruzione.

Gli appunti

1. Risoluzione della Commissione per i diritti dell’uomo 1998/33, par. 6 (a).

2. Ibid. parà. 6 (a) (ii).

3. Ibid. parà. 6 (a) (iii).

4. Articolo 13 del Patto internazionale relativo ai diritti economici, sociali e culturali; articolo 26 del

Dichiarazione Universale dei Diritti Umani.

5. Baha’i Education, una raccolta di estratti dai Baha’i Writings, London, Baha’i Publishing Trust,

1987, p. 29, par. 74

6. Vedi il rapporto all’UNESCO della Commissione internazionale per l’educazione per il ventunesimo secolo:

“Learning: The Treasure Within”.

7. Vedi la Convenzione sui diritti dell’infanzia, articolo 29 (a).

8. Spigolature degli scritti di Bahá’u’lláh, CXXII, pp. 259-60.

9. Educazione Baha’i, p. 3, par. 10.

10. Risoluzione della Commissione per i diritti umani 1998/33, par. 6 (a) (iii).

11. Tavolette di Bahá’u’lláh, p. 90.

12. E / CN.4 / 1999/49, par. 32-41.

13. Ibid., Par. 59.

14. Relazione all’UNESCO della Commissione internazionale per l’educazione per il ventunesimo secolo. Uno

dei quattro pilastri dell’educazione è “imparare a conoscere”.

Documento UN # E / CN.4 / 2000 / NGO / 13 – N. documento BIC: 00-0320

APS “Gianni Ballerio”

Seguici su Facebook

Lascia un commento